lunedì 11 dicembre 2017

Homero/Omero

de/di Zhivka Baltadzhieva
(trad. Marcela Filippi)

Adivinando
he dejado de ver.

Y ahora me despierto
en el ojo
de otro.

Hasta el dedo
que me quita la lágrima encendida
es suyo.

Se quema.

Y arde.
Y tanto me duele

que canto.

Para no sentir.


Indovinando
ho smesso di vedere.

E ora mi sveglio
nell’occhio
di un altro.

Anche il dito
che mi rimuove la lacrima accesa
è suo.

Brucia.

E arde.
E tanto mi duole

che canto.



Per non sentire

Nessun commento:

Posta un commento